mercoledì 10 luglio 2013

La potenza dell'ignoranza


Ciao,
ho sempre detto che è stata molto istruttiva e lo è tuttora, la mia frequentazione di siti complottari.
Il confronto con questi personaggi non è che allarga le vedute, per carità.
Ma ti costringe ad informarti perché ricordiamoci che il complottista non porta le prove delle sue affermazioni ma piuttosto spetta all'interlocutore portare le prove delle sue fesserie.

Ora le lezioni mi sono arrivate a domicilio.

Ho avuto uno scambio di vedute con un lettore del mio blog (eh già.. nonostante tu non lo voglia caro lettore, mi hai letto, e sei diventato un lettore del mio blog...) che è andato via via infiammandosi.
Tale scambio di vedute, come dicevo sopra, è stato molto interessante ed istruttivo in quanto mi ha portato a documentarmi su alcune cose che sinceramente ignoravo.
Magari alcuni di voi saranno già a conoscenza dei fatti che vado ad esporre. Magari altri no e potrei rendermi utile in qualche modo.

Si sa ormai da tanto tempo come una adeguata alimentazione ed un corretto stile di vita riduca drasticamente le probabilità di ammalarsi.
Ci si espone meno ai problemi cardiaci, a quelli respiratori fino ad arrivare alla minore probabilità di sviluppare neoplasie, o tumori.
Non è un mistero.
Basta effettuare una semplice ricerca in google con "a healthy lifestyle prevents cancer" e saltano fuori un mare di link interessanti.
Ma purtroppo a volte anche mantenendo uno stile di vita corretto ci si ammala lo stesso.

Vi riporto le parole del lettore:
Ho sposato una ex malata di cancro che consumava 4 litri di coca cola al giorno piu' un'altra infinità di schifezze industriali e artigianali.
Ha presente 4 bustine di zucchero in un caffè?
Beh.. l'ho conosciuta sotto chemio, anzi, aveva smesso la chemio, meglio morire che vivere cosi.
Le diedero 6 mesi di vita.
[.....]
Nessun oncologo, si preoccupo' di sapere come si nutriva. Il dentista le fece un preventivo di 15.000 euro per impiantare tutti i denti, poichè aveva anche la parodontosi poichè beveva di notte piu' volte coca e succhi dal frigo a occhi quasi chiusi per non perdere il sonno per poi tornare a letto.
Anche la parodontosi è incurabile, almeno per il suo dentista.
[.....]
Ci siamo dimenticati del cancro, della parodontosi, degli svenimenti, dei ricoveri per pressione altissima etc. etc. etc.
Non serve il bicarbonato... serve solo non cadere nella trappola di riempirsi di cibo acidificante/spazzatura.
Chissà come mai i supermercati ne sono pieni.

Troviamo uno stereotipo piuttosto diffuso.
Una diagnosi troppo affrettata.
Un paziente che sceglie di non seguire le terapie consigliate dal medico ma decide di fare di testa sua.
Qui c'è addirittura un'aspettativa di vita molto ridotta.
E quindi la guarigione.
Non manca il riferimento ai cattivi di turno, Coca Cola e Nestlé.

Ma, mi chiedo: se la moglie del mio lettore si scolava 4 litri di Coca al giorno e metteva 4 bustine di zucchero nel caffè, è colpa dei supermercati che mettono in vendita quelle cose?

Intendiamoci: sono ben felice per la miracolosa guarigione.
Ma io sono ficcanaso, quindi chiedo qualche documentazione a sostegno del racconto:
è possibile avere qualche referto della malattia di sua moglie?
Giusto per capire di che tipo di tumore si trattava, lo stadio di avanzamento e per dare forza alla sua testimonianza.

Ma la risposta è questa:
risalgono a 7 anni fa... Ormai viviamo all'estero e non saprei dove recuperarle se non dalla struttura che la curava.

Lo scambio di vedute, al momento ancora pacato, prosegue.  Vengono presentati ancora un po' di casi di cisti scambiati per tumori, di diabeti (comunque in età avanzata, si parla di una donna di 74 anni) curati semplicemente con un'adeguata terapia, lontana dagli standard medici.
Il tutto sempre senza presentare alcuna documentazione a sostegno.
E si sa, sono scettico per natura io.

Il dialogo prende però una piega abbastanza marcata.
Ecco quello che viene scritto dal mio interlocutore:
Beh lo sa che tutti quelli morti di tumore avevano in comune la stessa cosa... gli zuccheri.
In pratica frigo con succhi e bibite zuccherate, armadietti con merendine per i figli, immacabili la domenica i bignè e via dicendo (la normalità per quasi tutti).

Qua comincia ad apparire chiaro che abbiamo di fronte qualcuno con la verità in tasca:
l dramma è che se parli con qualcuno di queste persone non capiscono assolutamente nulla di nutrizione, ti ridono in faccia quando fai presente che non è possibile alimentarsi di merendine, dolci, pasta, pizze, pane senza pagare il conto che prima o poi arriva sempre.
Tutto è sempre attribuito alla genetica o a dio.
[...]
A me pare che nestle, coca cola e tutte le altre siano ancora li a riempire di prodotti gli scaffali dei supermercati.
Le sembra normale mettere in vendita questo genere di prodotti? Lei li darebbe a suo figlio?
Eppure ne fanno uso tutti.

Non so che gente frequenta il mio interlocutore.
Nessuno però mi ride in faccia quando dico che a mio figlio cerco di ridurre al minimo il consumo di merendine e schifezze varie.

Vediamo cosa altro dice:
Sull'aspettativa di vita mi risultano personaggi che hanno vissuto sopra gli 80 o 90 anni, molto piu' di mio padre e tanti altri che sono morti anche a 20 anni.. personaggi del 1500, 1600 quindi non credo che dipenda dalla medicina che non fa altro che curare i sintomi come la tachipirina.

Io gli faccio notare che però, nonostante tutte le storie che mi ha raccontato nessuna denuncia è stata sporta e gli faccio notare che
E' bastato fare una veloce ricerca su Google e in 5-6 secondi si scopre che le denunce "...Sono quadruplicate in dieci anni, tanto che secondo i dati Ania (Associazione nazionale imprese assicuratrici) sono passate da 3.154 nel 1994 a 11.932 nel 2004...".
Indipendentemente se queste denunce hanno portato qualche medico ad essere condannato, è comunque un dato allarmante che non può non lasciare strascichi tra i medici coinvolti.

Ma la risposta è la classica: "tanto non serve a niente":
Per me fare una denuncia sarebbe come se una gazzella andasse dall'avvocato per far causa ad una leonessa che ha mangiato il suo piccolo. 

Ora cominciano le cantonate.
Il mio interlocutore, cita il caso di Matteo Dall'Osso (Vinciamo noi) e dice quanto segue:
Provi a vedere la storia di Matteo Dall'Osso. Ex malato di SLA. Ha individuato la causa, intossicazione da alluminio. Ha dovuto subire anche lui cure devastanti che l'hanno solo fatto stare peggio finchè da solo, non findandosi piu' di nessuno, ha scoperto il perchè della sua malattia.
[...]
Matteo è guarito perchè ha individuato le cause, nascoste dagli organi ufficiali, tramite analisi, testimonianze e anche diffidenza verso la macchina sanitaria.
[...]
Matteo ha scoperto la causa e tramite la chimica si è disintossicato dall'alluminio.

Sono andato a leggere un po' la storia di Dall'Osso.
Da qua http://www.matteodallosso.org/?page_id=149 si legge quanto segue:
Nel 2002, cioè un anno prima di andare in Germania, vidi Report una trasmissione su Rai3, dove intervistarono un dottore tedesco che diceva che l’amalgama dentale, il materiale utilizzato per le otturazioni dentali, poteva causare gli stessi problemi.
[...]
Mi presi quindi un mese di "ferie" per ritornare in Germania. Partii da solo in treno e vi faccio notare che: non vedevo dall’occhio sinistro, non coordinavo più i movimenti della mano sinistra, camminavo male, perdevo l’equilibrio, ecc… ecc… Però non dissi la verità a nessuno, nemmeno ai miei genitori perché erano già in forte depressione. Parlai a lungo con una dottoressa del loro team. Mi consigliò degli esami del sangue....

Quindi non è stato Dall'Osso a trovarsi la cura da solo, ma è stato un medico che ha avuto l'intuizione giusta.
Un medico, non un naturopata, non un laureato in letteratura.
Inoltre gli faccio notare quanto segue:
Nella bibliografia che mostra Dall'Osso in Appendice del suo libro ci sono numerosi testi medici (anche qua scienza) dove viene trattata la somministrazione di EDTA per curare la sclerosi. Si parte da testi degli anni 1960 fino ai giorni nostri. Di chi? Di scienziati e medici.

Queste inoltre sono le parole dello stesso Matteo Dall'Osso:
Tutte queste anomalie sono dovute ad un’altra ragione molto più importante, all’origine di tutto.
Glutatione S transferasi M1: assente. Questo esame mostra che nel mio organismo un’allelo del gene glutatione è assente!
i geni sono trasmessi da madre e padre 50% per uno. Ad ogni gene corrisponde un enzima, ad ogni enzima corrisponde una funzione più o meno spiccata. Nel mio corpo questo allelo è assente, quindi la funzione ad esso associata non è espletata e anche se è solo una parte del gene la catena associata a questo enzima non può essere completa.
E qua siamo alla prima cantonata.
Il mio interlocutore sostiene che spesso, erroneamente, si da la colpa alla genetica.
E prende l'esempio di Dall'Osso che si sarebbe malato a causa dell'amalgama dentale.

Ma lo stesso Dall'Osso parla di un problema genetico alla base di tutto.
Certo.
A scatenare i problemi può essere stata l'amalgama dentale, ma la malattia si è manifestata perché l'organismo di Dall'Osso non era in grado di smaltire la tossicità della stessa amalgama.
E' un po' come dire che se uno nasce senza ano i suoi problemi sono dovuto al cibo che ingerisce.
No, non è così.
Dall'Osso è guarito grazie alle intuizioni dei medici e sicuramente grazie anche alla sua perseveranza.
Io chiedo spiegazioni, ma il mio interlocutore sorvola sulla questione.

Il dialogo si fa via via sempre più delirante. Vediamo cosa mi viene detto:
Io ho visto una donna di almeno 60 anni lavare i piatti a mano con un mucchio di detersivo per poi passare un poco di acqua sui piatti e metterli via con le bolle di sapone che colavano una volta stesi. Sa che mi rispose quando parlai di questo con la figlia 30enne? Che cosi erano piu' puliti e profumati........ Potrei citarne a decine di cose abberranti che vedo tutti i giorni.

E quindi?
Diamo la colpa alla società moderna anche del fatto che se non si sciacquano bene i piatti dal detersivo (cattivo detersivo!! Cattivo!! Tutta colpa della Nelsen...) va a finire che ingeriamo i detergenti al pasto successivo?

Poi si passa a parlare delle aspettative di vita.
E' arcinoto che le aspettative di vita sono in continuo aumento.
Mostro quindi uno dei tantissimi link che è possibile trovare su internet che documentano quanto ho detto:
Speranze di vita

Ma il mio interlocutore non è d'accordo:
E' proprio sicuro di quello che dice? La vita si sta allungando?
[...]
Non le ha mai viste le pubblicazioni SCIENTIFICHE che affermano che la marijuana fa male?

Ed ora la marijuana cosa c'entra?

Magari il complottista scafato si attacca al fatto che, ok, si vive di più, ma com'è la qualità della vita?
Su quello magari ci si può mettere a discutere.
Ma qua siamo in una nuova frontiera.
Non mi era mai capitato di parlare con qualcuno che negasse il fatto che si vive sempre più a lungo.
Io gli chiedo quindi di mostrarmi la documentazione a sostegno della sua teoria.

Mi vengono citate alcune persone che sono vissute molto a lungo.
Certo, ci sono alcuni record di longevità.
Quindi?
Poi ecco una nuova perla:
Come mai non ce ne uno, dico uno nato dopo il 1900 che ha superato i 100 anni? Eppure almeno uno vivo nato dopo il 1900 con almeno 110 potrebbe esserci.. perchè non c'è?
Mi sa dare una risposta?
Forse, la storia che la vita si allunga è una bufala?

Io nel giro di 20 secondi trovo 3 esempi:
Joannes Goossenaerts
Pasquale Gatti
Pierre Gremion

Ovviamente la risposta è questa:
 Il nostro oggetto del discorso non era... trovare uno nato nei primi anni del 900 che avesse vissuto piu' di 100 anni.

Ah no? A me sembrava di sì..
Ma, attenzione, questa le batte tutte.
Alla mia continua richiesta delle prove che si vivrebbe sempre meno mi viene mostrato questo link:
http://allungatilavita.blogspot.com.es/2008/12/gli-ultracentenari-nel-corso-della.html
Alla pagina linkata vengono menzionati alcuni personaggi biblici:
Tra i Patriarchi biblici Abramo visse 175 anni, Giona 180, Giacobbe 147, Ismaele 137, Sara 127 e Giuseppe 100. Mosè visse 120 anni, Giosuè 110 ed Elisa oltre 100. Il più longevo fu però Matusalemme, che visse fino all'età di 969 anni, seguito dal figlio Lamec, che visse 777 anni.

Questa cosa mi fa davvero sobbalzare sulla sedia.
Non speravo in tanta grazia!!
Ma davvero mi viene mostrata la longevità di Matusalemme per farmi vedere quanto a lungo vivevano una volta?

Poi si parla di diabete.
Anche quello, per il mio interlocutore, la genetica non conta nulla.
Nemmeno per i diabeti diagnosticati nei primissimi mesi di vita.
Anche per quello il diabete è causato da un'alimentazione errata.

Il delirio non è finito.
Si arriva a parlare di fumo:
Ma lei veramente crede ancora che è il fumo la causa di cancro? Perchè ci sono persone che fumano e campano cento o piu' anni?

Aridaje...
Mi cita il premio nobel Warburg (premio nobel nel 1931) che infatti citava in sostanza gli zuccheri come principale causa del cancro.
Io gli faccio notare che fortunatamente di progressi in campo medico ne sono stati fatti da allora.
Verso la fine degli anni 30 le scoperte di Raymond Pearl hanno in parte oscurato  gli studi di Warburg.
Raymond Pearl
Pare che già allora fosse stata trovata una correlazione diretta fra il fumo e il cancro.
Chiedo spiegazioni ma anche qua il mio interlocutore sorvola.

E poi siamo alle solite:
lei è in malafede... colluso forse.

Ma come..
Io ti porte tutte le documentazioni possibili alle mie affermazioni.
E lei mi cita i personaggi biblici e la loro longevità?
E quindi taglia corto e mi viene dato del colluso?
Oibò?? Mi è sfuggito qualcosa?

Ci salutiamo "cordialmente" con questa perla finale.
Ecco quello che mi viene riferito:
 Il 25% dei bambini in USA tossicodipendenti da psicofarmaci è lo stato attuale disastroso della sanità americana, ripresa anche in mezzo mondo. 

Io come al solito chiedo la fonte di una tale affermazione.
Mi viene indicato il documentario "inventori di malattie" (http://www.youtube.com/watch?v=e89gSLVPc18)  mandato in onda da rai 3 nel 2011.

Vediamo cosa dicono di preciso in quel documentario:
In alcune scuole i ricercatori hanno scoperto che il 25% dei bambini prende i farmaci per l'ADHD...


Per tossicodipendenza si intende:"Condizione di dipendenza fisica e psicologica dall'uso di sostanze stupefacenti" (http://www.grandidizionari.it/Dizionario_Italiano/parola/T/tossicodipendenza.aspx).
Chi glielo ha detto che questi bambini hanno una dipendenza fisica e psicologica verso i farmaci contro l'ADHD?
Melody Petersen dice che in alcune scuole (quindi un campione limitato) il 25% dei bambini prende il farmaco, ma il mio interlocutore sostiene, rigirando la frittata a proprio vantaggio:
Il 25% dei bambini in USA tossicodipendenti da psicofarmaci
Falso. FALSISSIMO.
Nel documentario non vengono citate fonti.

Chi è Melody Petersen?
Una giornalista: Melody Petersen

Qual'è lo strano meccanismo mentale che:
- mi dice di non fidarmi di milioni di medici e scienziati che mi dicono che viviamo sempre più a lungo;
- mi dice di non fidarmi di quello che mi raccontano in televisione;
- mi dice invece di fidarmi di un documentario trasmesso da rai 3;
- mi dice di fidarmi di ciò che mi dice un/una giornalista.

Come vorrei essere nella mente di certe persone..
Cosa darei per farlo..

Alla prossima!!


9 commenti:

  1. Vorresti esserci per schiacciare un pisolino? Tutto quel vuoto, tutto quel silenzio...

    RispondiElimina
  2. Sei un colluso!! Lo sapevo!!!
    :)

    RispondiElimina
  3. Bel post, complimenti. Vorrei farti osservare che sarebbe meglio usare il termine "amalgama" al maschile; molti dizionari ne danno la definizione esclusivamente al maschile (plurale -i), qualcun'altro come il Treccani [http://www.treccani.it/vocabolario/amalgama/] ne cita l'uso al femminile (plurale -e) tuttavia ne sconsiglia l'uso in quanto forma "meno corretta" del maschile.

    RispondiElimina
  4. Grazie!

    In effetti sul web avevo trovato versioni discordanti.
    Comunque faccio la correzione.
    Grazie.

    RispondiElimina
  5. Ecco, lo sapevo! subito dopo aver postato il mio pistolotto grammaticale mi son reso conto di aver scritto "qualcun'altro" con l'apostrofo anziché senza. Ben mi sta, spocchioso rompiballe... :-)

    RispondiElimina
  6. Eheheh..
    Non ci avevo nemmeno fatto caso.
    :)

    RispondiElimina
  7. Il mito dei bambini americani a cui vengono dati gli psicofarmaci origina da scientology...

    RispondiElimina
  8. Andiamo bene...
    Un'altra buona organizzazione.. setta.. non so nemmeno come chiamarla...

    RispondiElimina